Verso una memoria europea della Shoah?

L’esperienza del Mémorial de la Shoah di Parigi

di Laura Fontana

Se la strada da percorrere per arrivare a una memoria e una formazione europea della Shoah è ancora lunga, la direzione da seguire sembra chiara: accettare il confronto con narrazioni storiche e metodologie di trasmissione diverse, alla ricerca di un equilibrio difficile che tenti di tenere insieme da un lato esigenze legittime di comparazione, attualizzazione e universalizzazione che pongano il genocidio degli ebrei in un orizzonte di senso sempre più vasto e condivisibile e dall’altro, la necessità di non perdere di vista l’oggetto storico e politico di quello che chiamiamo Auschwitz.

Pubblicato in : Dopo i testimoni. Memoria, storiografie e narrazioni della deportazione razziale a cura di Marta Baiardi e Alberto Cavaglion, Viella, 2014

>> Leggi