La Shoah in Ucraina
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

L’esempio di Babi Yar (o Babji Jar)

Nella storia della Shoah, la distruzione degli ebrei ucraini nei due anni di occupazione nazista (1941-1943) costituisce un capitolo importante, sia per le proporzioni del massacro – oltre 1.500.000 ebrei furono assassinati, ovvero il 60% della popolazione ebraica residente in Ucraina alla vigilia della Seconda guerra mondiale –sia per le caratteristiche e modalità con cui il genocidio fu perpetrato. A differenza di Auschwitz e dei centri di sterminio per gli ebrei installati nella Polonia occupata e annessa sotto il Terzo Reich, in Ucraina le vittime furono massacrate a colpi di arma da fuoco, principalmente per fucilazione di massa, in operazioni ripetute e sistematiche, effettuate a poca distanza dal luogo di abitazione degli ebrei e praticamente sotto gli occhi della popolazione locale.

>> Segue

Prossime presentazioni

Prossime presentazioni del libro “Gli Italiani ad Auschwitz”: 9 aprile Rimini 26 aprile Trieste 28 aprile Santarcangelo di Romagna 15 maggio Fano 19 maggio Amsterdam 23

Leggi »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi